Elemento Tango Parlare Senza Parole Articolo

Parlare senza parole, l’essenza del tango. A quanti di noi sarà capitato di osservare l’espressione ammirata dei nostri interlocutori, quando diciamo di essere ballerini di tango?


Credo a moltissimi e credo che la motivazione sia da cercare nella convinzione comune che il tango appartenga ad un mondo talmente magico, da essere quasi irraggiungibile, un’espressione d’arte che può appartenere solo a quei pochi eletti che si cimentano con un ballo tanto speciale quanto complicato.
Ed in un certo senso non si può dar torto a coloro che lo percepiscono così intriso di magia.

Una magia che nasce dalla sinergia tra il corpo con il suo movimento e il silenzio con le sue sfumature.

Ebbene si, il tango è un discorso senza parole: è il saper esprimere senza dire, è il poter ascoltare senza udire. Ma il dialogo che ne scaturisce è la vera essenza del tango, è tutto ciò che va oltre la razionalità, fino a raggiungere la parte più sottile e percettiva di ogni essere umano.

In un mondo fatto di social, di immagini e di parole vuote, il tango rappresenta una delle ultime occasioni per scoprire le infinite potenzialità del nostro animo, che incontrando il corpo genera un connubio talmente perfetto da regalare emozioni concrete, bellezza interiore e appagamento del cuore.

Parlare senza parole è forse il modo migliore per comprendersi, perché il corpo non sa mentire, perché il suo linguaggio è pulito ed inconfutabile.

L’essenza del tango non è altro che l’essenza di ogni persona, un soffio tra corpo e anima, un prezioso contatto con il senso della vita.

Sarà per questo che chi incontra veramente il tango non lo abbandona più? Forse è per la sua sincerità che lo nutriamo con tanta dedizione e impegno?
Forse si! E lasciamo che sia così.